Vai al contenuto.

Croato

Hrvatski jezik

Numero di parlanti madrelingua

4.4 milioni

Lingua ufficiale in

Croazia, Bosnia-Erzegovina, Serbia (una delle sette lingue ufficiali di Voivodina), UE

Lingua minoritaria in

Montenegro, Ungheria, Austria, Italia, Romania

Lingua della diaspora

Germania, Svezia, Francia e altri paesi europei occidentali, Argentina, USA, Canada, Australia, Nuova Zelanda

Alfabeto
27 lettere - 30 fonemi (nj, lj, dž sono fonemi scritti con due lettere)
Casi grammaticali
7
Codice della lingua
hr, hrv
Tipologia linguistica
flessiva , pro-drop , SVO
Famiglia linguistica
Indoeuropea, Slava, Slava Meridionale
Numero di dialetti
Tre gruppi dialettali con circa 25-30 sottodialetti

Parola più lunga

l'erede al trono

Parola o frase curiosa

Le montagne bruciano peggio sulla cima.
quattro differenti accenti tonici

Introduzione

Il croato è molto vicino a serbo, bosniaco e montenegrino. Il croatosi è sviluppato come lingua letteraria dal XV secolo in diverse varianti. La sua attuale struttura (con alcuni cambi) si formò nel XIX secolo.

Nel XIX secolo, ci fu un forte movimento in favore di una lingua slava meridionale unificata. Serbo e croato si fusero con più lingue standard e nel XX molte persone pensavano che il serbo e il croato fossero una sola lingua. Altre credevano che fossero due lingue indipendenti (serbo e croato). Il montenegrino, a causa del suo lessico tecnico e specializzato, può considerarsi una varietà del serbo nonostante abbia tratti propri. Risulta difficile dire quale sia il bosniaco standard, ma è chiaro che si situi tra serbo e croato, che abbia diverse varietà e che sia molto vicino al montenegrino. Senza dubbio i parlanti di queste quattro lingue possono comunicare tra loro senza bisogno di interpreti o traduttori. Le principali differenze appaiono nel vocabolario specializzato, in quasi tutti i campi. I croati e i serbi appena si comprendono quando parlano di matematica, biologia, diritto o addirittura cucina, se prima non hanno appreso il vocabolario dell'altro. Infine bisogna sottolineare che esistono anche differenze nello scritto. Il serbo e il montenegrino si possono scrivere sia con alfabeto latino sia con il cirillico, mentre il croato e il bosniaco si scrivono solo con quello latino.

Le lingue slave si dividono in tre sottogruppi: slave occidentali, (polacco, ceco, slovacco, sorabo, casciubo e slovinzo), orientali (ucraino, bielorusso, russo e ruteno), meridionali (sloveno, croato, serbo, montenegrino, bosniaco, macedone e bulgaro).

La lapide di Baška (Baščanska ploča) datata circa al 1100

Dialetti

Il territorio croato si divide in tre aree dialettiche: stocava, caicava, ciacava. La letteratura si sviluppò in tutt'e tre i dialetti, ma maggiormente in stocavo, che fu usato come base per la creazione di una lingua standard.

  • Čakavsko narječje
  • Kajkavsko narječje
  • Štokavsko narječje

Fonte: Wikimedia Commons

Sistema di scrittura e pronuncia

  • a
  • b
  • c
  • č
  • ć
  • d
  • đ
  • e
  • f
  • g
  • h
  • i
  • j
  • k
  • l
  • m
  • n
  • o
  • p
  • r
  • s
  • š
  • t
  • u
  • v
  • z
  • ž

Il croato è scritto con l'alfabeto latino, anche se al principio del Regno di Croazia, era scritto con l'alfabeto glagolitico, creato apposta per le lingue slave e anche con quello che chiamiamo cirillico occidentale (bosančica). Nel passato, le tre forme di scrittura venivano usate in regioni differenti, ma a volte coesistevano nella stessa regione e infine restò l'alfabeto latino. L'ortografia attuale è fonetica, le stesse lettere si leggono sempre allo stesso modo. L'alfabeto è composto da 28 lettere dell'alfabeto latino senza la x, y né la q e include la č, ć, đ, š e la ž. In più ci sono tre fonemi che si scrivono con le lettere {nj}, lj, nj e .

La lettura di un testo croato è quindi molto semplice. L'unico problema è l'accento, perché ogni sillaba (tranne l'ultima), può essere accentuata e accentuare male una parola può comportare un cambio nel significato di una parola. Questo, però, non vale per l'accento tonale (ci sono quattro diversi accenti tonali, simili a quelli del cinese: due discendenti e due ascendenti, che possono essere lunghi o corti). Ad esempio, la frase "Gore gore gore gore" ha quattro parole apparentemente identiche che, a causa dei diversi accenti tonali, hanno quattro diversi significati: "Le montagne bruciano peggio sulla cima"{/I}.

Grammatica

In generale possiamo dire che la grammatica croata, come tutte le grammatiche slave, è piuttosto complessa. Ci sono due numeri (singolare e plurale), ognuno di essi ha sette casi (nominativo, genitivo, dativo, accusativo, vocativo, locutivo e strumentale) e tutti possono essere combinati con tre generi (maschile, femminile e neutro); per conoscere le forme di un sostantivo, bisogna considerare sette casi, tre generi e due numeri cosicché esistono circa 42 forme possibili. I verbi hanno sette tempi verbali (presente, futuro I, futuro II, imperfetto, aoristo, perfetto e piuccheperfetto) e due numeri (singolare e plurale). Esistono poi tre persone (io, tu, lui/lei/esso/essa singolari - noi, voi, loro/essi/esse plurali). I verbi hanno due aspetti (perfettivo e imperfettivo), l'aspetto di ogni verbo va appreso giacché il modello di coniugazione varia, ad esempio skočiti ("saltare") e skakati ("saltare ripetutamente").

In più, molti dei verbi utilizzati con frequenza, sono irregolari e hanno terminazioni proprie. Esistono anche particolarità relazionate al cambio del suono (palatalizzazione, assimilazione, etc.). Lo stesso avviene per i sostantivi, gli aggettivi (che possono essere definiti o indefiniti) e i pronomi.

Formazione delle parole e lessico

Esempio di coniugazione verbale:

Presente:

Singolare Plurale
1° persona idem
vado
idemo
andiamo
2° persona ideš
vai
idete
andate
3° persona ide
lui/lei va
idu
Vanno

Aoristo:

Singolare Plurale
1° persona pođoh
Andai
pođosmo
andammo
2° persona pođe
Andasti
pođoste
andaste
3° persona pođe
lui/lei andò
pođoše
andarono

Perfetto

Singolare Plurale
1° persona išao sam
andai (uomo)
išla sam
andai (donna)
išli smo
andammo (uomini)
išle smo
andammo (donne)
2° persona išao si /išla si
andasti (uomo/donna)
išli ste/išle ste
andaste (uomini/donne)
3° persona išao je/išla je
lui/lei andarono
išli su/išle su
andarono (uomini/donne)

Esiste anche il piuccheperfetto e due tempi verbali futuri (I e II)

Sostantivi:

Singolare Plurale
Nominativo stol
tavolo
stolovi
tavoli
Genitivo stola
del tavolo
stolova
dei tavoli
Dativo stolu
al tavolo
stolovima
ai tavoli
Accusativo stol
tavolo
stolove
tavoli
Vocativo stole
tavolo!
stolovi
tavoli!
Locativo o stolu
circa il tavolo
o stolovima
circa i tavoli
Strumentale stolom
con un tavolo
stolovima
con dei tavoli

Ogni sostantivo ha un genere (maschile, femminile, neutro). L'esempio seguente è un sostantivo maschile. I generi femminile e neutro hanno diverse terminazioni. Il sostantivo va appreso con il suo genere (lo stesso accade in tedesco).

Il croato usa la R come vocale in alcune parole, ad esempio smrt ("morte"), krv ("sangue"), brv ("ponte piccolo"), etc. Esistono parole con cinque o sei consonanti di seguito senza alcuna vocale, ad esempio: smrtno (mortale), stvrdnuti ("indurirsi")...

Il croato ha attualmente 31 fonemi, poiché un dittongo (pronunciato ie o ) si scrive je o ije.

Parole tematiche

Proverbi tradizionali o espressioni idiomatiche divertenti e strane.

Torna su